informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Perché il multitasking nello studio rischia di renderti meno produttivo

Commenti disabilitati su Perché il multitasking nello studio rischia di renderti meno produttivo Studiare a Campobasso

Per anni si è considerato l’essere multitasking nello studio, come nel lavoro e vita privata, come una qualità imprescindibile per eccellere nei vari ambiti. Tuttavia, ancora non erano state fatte ricerche sulla conseguente incapacità di mantenere la concentrazione. Spieghiamoci meglio: ognuno di noi, con le nostre abitudini frenetiche, ha sviluppato la capacità di fare e pensare più cose contemporaneamente. In realtà, non facciamo più cose assieme, ma ci spostiamo velocemente da una cosa all’altra. Me il multitasking cos’è? Nel concreto, si presenta così: studi un capitolo, leggi l’articolo per una ricerca, dai un’occhiata ai social, leggi una mail e pensi che tra un po’ staccherai per andare in palestra.

Se da una parte ci sembra di riuscire a fare davvero più cose, in realtà le facciamo a metà e tremendamente male. In questa guida vogliamo affrontare il tema del multitasking mettendolo sotto una lente diversa: ti spiegheremo perché fare più cose contemporaneamente non è necessariamente sintomo di produttività. Iniziamo subito.

Essere multitasking è davvero un vantaggio?

È dunque davvero positivo essere multitasking nello studio, o è solo una soft skill impostaci per rendere di più a livello quantitativo che qualitativo? Riusciamo a mantenere la concentrazione passando i nostri pensieri da un estremo all’altro? È possibile essere produttivi senza essere multitasking? Scopriamolo.

LEGGI ANCHE >> Come trovare il proprio equilibrio in 7 mosse

L’importanza di rimanere focalizzati

Il nostro cervello funziona in questo modo: può eseguire alcune attività assieme, purché siano semplici (esempio: grattarsi il capo mentre si beve un caffè e si legge, o parlare e camminare assieme), ma non appena essi richiedono maggior sforzo cognitivo, esso inizia a selezionare solo le informazioni davvero necessarie.

Disponiamo di “risorse attentive” limitate. Studiare guardare la tv, leggere, guidare, ascoltare una persona e tante altre richiedono un grande dispendio di queste. Per rendertene conto, fai una prova. Mentre leggi qui, chiedi a qualcuno di parlarti: cerca di prestare attenzione alle parole che dirà ma anche a ciò che leggi. Il risultato sarà che dovrai rileggere più volte la stessa riga, per poter capire quello che c’è scritto, e dovrai farti ripetere ciò che hai a malapena sentito.

Numerosi studi hanno affrontato la questione multitasking studio: è impossibile studiare bene facendo più cose contemporaneamente. Il cervello, sovraccaricato di stimoli da elaborare, non riesce ad incamerare le informazioni in maniera corretta. Mantenere la concentrazione infatti, prestare attenzione a una determinata cosa, presuppone l’esclusione di qualsiasi altro stimolo esterno e interferenza. Cioè per essere concentrati, occorre non sovrapporre altro al reale oggetto di attenzione.

L’essere multitasking nello studio però, comporta proprio questo: sovrapporre più compiti che richiedono troppe risorse attentive (che non abbiamo) per essere conseguiti al meglio. È essenziale perciò mantenere la concentrazione su un unico compito complesso, uno alla volta, senza lasciarci distrarre da altri stimoli superflui.

Gli effetti negativi del multitasking

Quali sono dunque gli effetti negativi del multitasking nello studio? Vediamoli:

  • Decremento della performance a livello qualitativo: dunque minor efficienza
  • Lentezza nello svolgimento del compito
  • Superficialità nello studio, dunque diminuzione della capacità di apprendimento
  • Maggior stress
  • Riduzione della memoria
  • Maggior suscettibilità al perdere la concentrazione

Tutti questi effetti negativi possono incidere in modo significativo sulle tue performance e anche sul tuo umore. Questo perché lo sforzo non commisurato al risultato rischia di farti perdere la motivazione e allontanarti dai risultati che ti sei prefissato. Per questo, nel primo punto di questa guida, abbiamo rimarcato l’importanza dell’essere focalizzati.

Come smettere di essere multitasking nello studio

Per smettere di essere multitasking nello studio (anche se si parlerebbe di switchtasking in realtà) occorre definire alcuni punti:

  • Identificare le reali fonti di distrazione (la musica di sottofondo, rumori in generale, non sono una reale distrazione per la mente, ma l’attendere l’arrivo di un messaggio, impulso a controllare i social, navigare su internet, sì)
  • Definire cosa è importante e cosa non lo è (cosa puoi rimandare a dopo, delegare o non fare poiché non necessario)
  • Mettere in atto una serie di tecniche per mantenere la concentrazione (pianificare i vari compiti, allontanare distrazioni, fare pause)

Possiamo assicurarti che, seguendo questa strategia, smetterai di essere multitasking nello studio, sarai più produttivo e di conseguenza vedrai maggior rendimento a livello scolastico. Non solo: queste tecniche possono essere applicate a qualsiasi sfera della tua vita, dal lavoro ai momenti sociali.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali