informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come sfruttare la comunicazione efficace per raggiungere i tuoi obiettivi universitari (e non)

Commenti disabilitati su Come sfruttare la comunicazione efficace per raggiungere i tuoi obiettivi universitari (e non) Studiare a Campobasso

La comunicazione efficace è un mezzo fondamentale per trasformare le tue ambizioni in veri e propri traguardi da raggiungere. Sia che si tratti di obiettivi in ambito universitario, sia che si tratti di lavoro, saper comunicare in modo eccellente può aprirti molte porte e condurti dritto verso la realizzazione dei tuoi sogni.

Padroneggiare skills comunicative è una delle più importanti abilità di vita che possiamo imparare, anche se di solito non ci impegniamo molto per acquisirle. Se vuoi avere conversazioni migliori nella tua vita universitaria o comunicare meglio sul lavoro, oltre a tanto esercizio, ti saranno sicuramente utili alcuni consigli che abbiamo raccolto per te.

In questa guida parleremo di tecniche di comunicazione e di una serie di elementi da sfruttare per diventare un ottimo comunicatore e migliorare la qualità delle tue conversazioni. Se sei pronto, iniziamo subito.

I migliori consigli per comunicare efficacemente nel lavoro e nella vita

Spesso, quando cerchiamo di comunicare con gli altri, qualcosa rischia di non andare come vorremmo: possono esserci incomprensioni e conflitti che possono generare problemi in famiglia, in Università e nei rapporti di lavoro. Per molti di noi, comunicare in modo più chiaro ed efficace richiede l’apprendimento di alcune abilità importanti.

Apprendere queste abilità può approfondire le connessioni con gli altri, creare maggiore fiducia e rispetto e migliorare il lavoro di squadra, la risoluzione dei problemi e il tuo benessere emotivo. Vediamo ora quali sono i consigli dell’Università Niccolò Cusano di Campobasso per avere una comunicazione efficace.

LEGGI ANCHEScrivere una tesi in poco tempo: ecco i consigli utili per riuscirci

Che significa comunicare efficacemente?

Una comunicazione efficace è molto più di uno scambio di informazioni. Per essere un buon comunicatore, dovrai allenarti per capire quali sono le emozioni che il tuo interlocutore vuole trasmetterti, concentrandoti non solo sulle parole, ma anche (e soprattutto) sul linguaggio non verbale.

Possiamo dire che una buona comunicazione mette insieme questi elementi:

  • Ascolto attivo
  • Comunicazione non verbale
  • Gestione dello stress
  • Rispetto e autorevolezza

Tutte queste abilità non sono innate, ma possono essere sviluppate e apprese facendo pratica e mettendo in atto una serie di tecniche e accorgimenti per migliorare il tuo approccio comunicativo. Vediamo ora quali sono.

Osserva la comunicazione non verbale

Secondo una ricerca,  la comunicazione non verbale rappresenta il 55% della percezione di un ascoltatore. Ciò significa che la maggior parte di ciò che dici viene comunicato non attraverso le parole, ma attraverso segnali fisici.

Proprio per questo, imparare a comprendere il linguaggio del corpo è un passaggio fondamentale. Il tuo corpo può dare tanti segnali al tuo interlocutore: ad esempio, le braccia incrociate sono un segnale di chiusura.

Mantenere il contatto visivo, le spalle aperte e una postura rilassata comunicherà tranquillità e sicurezza al tuo interlocutore.

Coinvolgi il tuo pubblico

La comunicazione efficace vale anche (e soprattutto) quando ti trovi a parlare in pubblico. Che sia una piccola platea (magari la commissione esaminatrice della tua tesi di laurea) o un pubblico più ampio, dovrai sempre cercare di coinvolgere attivamente le persone con cui stai parlando.

A prescindere da quanto sia convincente l’oratore, tutti gli spettatori hanno un’attenzione limitata. Per diventare un comunicatore più efficace, dovrai rendere le presentazioni e le discussioni interattive. Fai una domanda al pubblico e incoraggia le persone a richiamare i loro pensieri durante una sessione di brainstorming. Questo ti permetterà di rompere il ghiaccio e creare una connessione con il tuo pubblico.

LEGGI ANCHEImparare a parlare in pubblico: tecniche e consigli

Non ti distrarre

Per essere un buon comunicatore e migliorare la qualità di una conversazione, dovrai impegnarti a mantenere la concentrazione sulle parole del tuo interlocutore.

Ad esempio, è piuttosto maleducato usare il telefono mentre qualcuno ti sta parlando. Forse non possiamo sbarazzarci di tutte le distrazioni, ma mantenere un contatto visivo e fare delle domande sono ottimi modi per migliorare la comunicazione e dare un segnale di presenza.

Pratica l’ascolto attivo e dai feedback

Non si può comunicare bene senza saper ascoltare. Per questo devi mettere in pratica l’ascolto attivo. In cosa consiste? Concentrati solo sulle parole e sui gesti del tuo interlocutore, entra in connessione con lui e cerca di capire quali sono i suoi bisogni e le sue necessità.

Chiedere e dare feedback è il modo migliore per dimostrare il tuo livello di attenzione. Frasi come “Se ho capito bene, mi stai dicendo che…”, “Dunque, ricapitolando…” sono utili per creare un legame empatico con il tuo interlocutore e scambiarvi un feedback.

Adatta la tua comunicazione ai tuoi interlocutori

La comunicazione efficace prevede anche il saper adattare il proprio linguaggio a quello del pubblico con il quale si interagisce. Sia che si tratti di un esame universitario, sia che si tratti di una presentazione aziendale, il tuo linguaggio e il tuo approccio alla conversazione deve tener conto delle persone con le quali stai parlando.

Devi sapere che i migliori comunicatori modificano il loro modo di parlare modulandolo sui propri interlocutori: probabilmente useresti uno stile diverso di comunicazione con i colleghi di lavoro o il tuo capo rispetto a quando parlerai, ad esempio, con alcuni membri della tua famiglia.

Mantieni sotto controllo lo stress

Lo stress è nemico della buona comunicazione. Per comunicare bene, devi assolutamente debellare lo stress, perché questo può inibire la tua capacità di discernimento e confondere i segnali dell’altra persona.

Pensa a situazioni come un colloquio di lavoro, presentazione aziendale, incontro importante o l’introduzione in famiglia di una persona amata: si tratta di tutti momenti in cui proverai emozioni molto forti e dovrai fronteggiare un carico di stress piuttosto elevato. Imparare a gestire le emozioni è fondamentale per diventare un buon comunicatore; ecco qualche passaggio da fare:

  • Sii chiaro: parla in modo chiaro, usa un linguaggio limpido e mantieni un tono uniforme. Mantieni un linguaggio del corpo quanto più disteso possibile e cerca il contatto visivo;
  • Usa le tecniche di stallo se sei in difficoltà: se non sai cosa dire, fatti ripetere la domanda e prendi tempo per elaborare una risposta che ti convinca;
  • Fai una pausa per raccogliere i pensieri: il silenzio non è necessariamente un passaggio negativo. Al contrario, in alcuni casi, qualche secondo di riflessione può aiutarti a fare chiarezza dentro di te.

Non perdere il focus

A volte le discussioni possono sfociare in mille altri argomenti poco pertinenti con il tema iniziale.

Cerca di mantenere la discussione focalizzata sull’argomento in questione. Provare a schivare un argomento tende a intensificarne la percezione, facendolo diventare sempre più grande. Per fare un esempio, durante un esame orale, cerca di mantenere il focus sulla domanda del Professore, facendo delle osservazioni pertinenti, ma senza cercare di cambiare discorso.

Mettendo in pratica tutti questi consigli, riuscirai sicuramente a raggiungere i tuoi obiettivi e a migliorare l’efficacia della tua comunicazione. Per oggi ti abbiamo detto proprio tutto sull’argomento: non ti resta che metterti alla prova e sperimentare per affinare le tue skills comunicative.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali