informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Imparare a parlare in pubblico: metodi e segreti

Commenti disabilitati su Imparare a parlare in pubblico: metodi e segreti Studiare a Campobasso

Sei alla ricerca di consigli su come imparare a parlare in pubblico?

In questa guida ti spiegheremo come parlare in pubblico in modo efficace, affrontando le migliori tecniche ed esercizi per dominare il palco.

L’attività di public speaking è una di quelle cose che, prima o poi, tutti dobbiamo affrontare: per un motivo o per un altro, può capitare di parlare in pubblico ed esporre le proprie idee o progetti.

Una volta superata la paura di parlare in pubblico, ti accorgerai che si tratta di un’attività gratificante e positiva per la tua crescita personale. Non ci credi? Continua a leggere la nostra guida e scopri come imparare a parlare in pubblico seguendo alcuni semplici step.

Ecco come parlare bene in pubblico e superare il panico da microfono

Dalle cause della paura di parlare in pubblico agli esercizi da fare, ecco una serie di informazioni utili per imparare a parlare in pubblico e superare l’ansia senza farmaci.

Paura di parlare in pubblico: cause

panico da microfono

Prima di imparare a parlare in pubblico e mettere in pratica nuove tecniche, cerchiamo di capire perché quella di parlare in pubblico è una delle maggiori paure delle persone.

La paura è un sentimento insito nell’uomo: in generale, abbiamo paura di tutto ciò che non conosciamo e che costituisce per noi una fonte di stress. Riferendoci nello specifico alla paura di parlare in pubblico, le ragioni possono essere:

  • Paura di fare scena muta: il terrore di non riuscire a parlare e di restare in silenzio è molto comune. In realtà, è solo una suggestione che deriva da una causa maggiore, che scopriremo più avanti;
  • Paura di fare brutta figura: il panico da microfono che deriva dalla possibilità di fare brutta figura è molto diffuso. La nostra paura è quella di perdere credibilità e di bruciarci la reputazione;
  • Paura di essere giudicati, strettamente correlata alle due paure precedenti. Ognuno di noi ci tiene a fare una buona impressione con gli altri e il pensiero di essere giudicati male ci terrorizza.

Queste tre comuni paure sono legate, in realtà, ad un unico grande problema: la mancanza di autostima. Una scarsa fiducia in se stessi e nelle proprie capacità, infatti, può dar vita ad una serie di paure infondate che, se trascurate, possono innescare tanti circoli viziosi da cui è difficile uscire.

La prima cosa che devi fare se vuoi imparare a parlare in pubblico è credere in te stesso: solo credendo nelle tue capacità riuscirai ad essere convincente e a dare una bella immagine di te ai tuoi ascoltatori.

Il ruolo dell’oratore: Cicerone e l’arte di comunicare

Prima di vedere nel dettaglio le tecniche e gli esercizi utili per imparare a parlare in pubblico, facciamo un piccolo focus sul ruolo dell’oratore facendo riferimento ad uno dei più grandi comunicatori della storia: Cicerone.

Nonostante siano passati moltissimi anni dal De Oratore, i consigli e i punti di vista di Cicerone sono attualissimi e da tenere in considerazione quando si affronta il tema del public speaking.

Le caratteristiche imprescindibili dell’oratore secondo Cicerone sono:

  • Autorevolezza: per Cicerone, nessuno dovrebbe parlare di ciò che non conosce a fondo. Conoscere l’argomento di discussione e dominarlo è l’unico modo per assicurarsi una corretta gestione del discorso;
  • Estro e creatività: un buon oratore deve saper costruire un discorso con estro e deve saper collocare al suo interno tutti gli aspetti più importanti da comunicare alla platea;
  • Capacità di discernimento: l’oratore deve saper scegliere gli argomenti da trattare e disporli nell’ordine giusto nel contesto del discorso;
  • Abilità di comunicazione verbale e non verbale: la comunicazione non è solo verbale. La mimica, la gestualità e i fattori paraverbali sono importanti per l’oratore. Per questo Cicerone dà una serie di raccomandazioni, come quella di curare la gestualità e mantenere un tono di voce consono.

Regole d’oro e tecniche avanzate per il public speaking

Sulla base di quanto già descritto da Cicerone, le tecniche per parlare in pubblico fanno riferimento a diversi esercizi da mettere in pratica, così da seppellire definitivamente in panico da microfono. Vediamoli insieme e cerchiamo di capire come parlare in pubblico senza emozionarsi.

Preparati il discorso

Se vuoi imparare a parlare in pubblico, la prima cosa che devi fare è prepararti il discorso. Soprattutto se sei un oratore alle primissime armi, parlare a braccio non è affatto un’ottima idea.

Per prepararti il discorso da fare, ricordati sempre cosa diceva Cicerone: devi essere padrone dell’argomento e devi essere in grado di capire quali elementi possono funzionare nel tuo discorso. Fai una scaletta delle cose da dire e dividila in base alle fasi del tuo discorso, in questo modo:

  • Introduzione
  • Corpo del discorso
  • Conclusione.

Studia il tuo pubblico

Conoscere il pubblico è fondamentale affinché il tuo discorso abbia il successo desiderato. Per capire quali sono gli argomenti più giusti da trattare e le parole da utilizzare, devi studiare a fondo la tua audience.

Sulla base di questo, potrai costruire un discorso ad hoc che vada a soddisfare il più possibile le esigenze del tuo pubblico, così da non deludere le loro aspettative.

Se vuoi familiarizzare con il tuo pubblico prima di parlare, recati in anticipo in sede e chiacchiera con loro: vedere i loro volti ti aiuterà a superare la paura e a rompere il ghiaccio.

Se quello che ti fa più paura sono gli sguardi delle persone, mentre parli fissa un punto specifico della platea e cerca di non distogliere lo sguardo: in questo modo rimarrai concentrato e non perderai il filo del discorso.

Fai le (giuste) domande

Non aver paura di coinvolgere attivamente la tua platea. Mettersi in gioco e fare le giuste domande può innescare l’interazione e far capire che sei davvero padrone dell’argomento.

Non temere di interpellare la platea per chiedere un feedback su un punto che stai trattando e, se sono loro a fare domande, rispondi nella maniera più pertinente possibile.

Se pensi di non saper rispondere, cerca di trasformare il disagio in opportunità, senza lasciarti sopraffare dall’ansia. Essere onesti paga sempre: se non sai rispondere ad un quesito, non aver paura di ammetterlo e di dire che, sicuramente, avrai modo di documentarti.

Cura l’abbigliamento

In certi contesti, l’abito fa il monaco. Usa un abbigliamento in cui ti senti sicuro ed evita dei vestiti troppo appariscenti e poco consoni alla situazione. Per le donne, è meglio evitare tacchi vertiginosi, scollature molto profonde e trucco marcato. La sobrietà e la semplicità pagano sempre.

Per gli uomini, la cravatta è un indumento importante in ambienti particolarmente formali, così come la giacca e la camicia.

Tono di voce e gestualità

Se vuoi imparare a parlare in pubblico, devi fare attenzione al modo in cui comunichi, a partire dal tono di voce e la gestualità. Per questo, ti raccomandiamo di:

  • Provare più volte il tuo discorso allo specchio, osservandoti e cercando di capire se ciò che vedi ti convince;
  • Testare l’efficacia del tuo discorso davanti ad una platea ristretta, sondando le loro reazioni;
  • Modulare il tono di voce e non utilizzare espressioni che potrebbero essere fraintese o non capite dal tuo pubblico;
  • Evitare una gestualità aggressiva, che può denotare scarso controllo di sé.

Hai le idee più chiare su come parlare in pubblico?

Siamo certi che, grazie ai consigli dell’Università Niccolò Cusano, riuscirai ad imparare a parlare in pubblico in poco tempo e a fare una splendida figura.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali