informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Fonti energetiche alternative: definizione, caratteristiche e impatto ambientale

Commenti disabilitati su Fonti energetiche alternative: definizione, caratteristiche e impatto ambientale Studiare a Campobasso

Curioso di scoprire qualcosa in più sulle fonti energetiche alternative?

Sei nel posto giusto: in questa guida ti parleremo delle forme di energia non convenzionale, rispettose dell’ambiente e che non utilizzano combustibili fossili.

In generale, per energia alternativa (e, in taluni casi, anche rinnovabile) intendiamo quell’energia che viene generata da processi diversi da quelli che conosciamo. Parliamo, ad esempio, della luce solare, il calore geotermico, il vento, le maree, l’acqua e varie forme di biomassa.

Si parla di “alternativa” perché sono fonti di energia alternative rispetto all’uso di combustibili fossili, non tradizionali e a basso impatto ambientale.

Vediamo ora quali sono queste energie rinnovabili e qual è l’impatto che hanno sul nostro Pianeta.

Quello che devi sapere sui tipi di energia

Come abbiamo detto, esistono diverse fonti energetiche alternative, da conoscere per capire quali sono i loro aspetti peculiari e le loro potenzialità per lo sviluppo. Ecco un approfondimento sulle fonti alternative (e talvolta anche rinnovabili) dedicato agli studenti dell’Università Niccolò Cusano.

LEGGI ANCHE – Pressione atmosferica: ecco quello che c’è da sapere

Energia alternativa: cos’è

Come abbiamo accennato, per energia alternativa intendiamo quelle particolari fonti di energia ottenute in modo differente rispetto all’utilizzo dei combustibili fossili.

Bisogna sottolineare che le energie alternative non sono necessariamente rinnovabili: spesso le prime vengono erroneamente confuse o assimilate alle seconde, quando queste ultime rappresentano una sottoclasse.

In realtà le fonti di energia alternativa comprendono una classe più ampia di forme di produzione di energia, oltre a quelle rinnovabili, per esempio comprendendo l’energia prodotta tramite centrali nucleari.

Questo termine ha preso piede negli anni Settanta, periodo in cui si è iniziato ad investire sulla ricerca con risorse umane ed economiche.

Negli anni sono state moltissime le soluzioni sperimentate per trovare nuove fonti di energia alternative al petrolio; tra le tipologie di energia alternativa che possiamo annoverare:

  • Energia nucleare
  • Energia idroelettrica
  • Energia geotermica
  • Energia ricavata dalla biomassa e biogas
  • Energia marina
  • Energia eolica
  • Energia solare
  • Energia prodotta dalla dissociazione molecolare
  • Agroenergie

Vediamo ora quali sono le caratteristiche di alcune di queste fonti di energia.

Energia solare

Possiamo definire l’energia solare come la prima fonte energetica al mondo; questa viene utilizzata per generare luce e calore e la sua intensità è influenzata dal percorso orbitale del sole e dalle sue variazioni all’interno della galassia.

Tra le fonti energetiche alternative e pulite, l’energia solare è tra le più utilizzate in tutto il mondo. Questa può essere estratta sia mediante un impianto solare termodinamico che utilizzando le celle fotovoltaiche (PV).

In generale, esistono due tipi di energia solare:

  • L’energia solare attiva, che utilizza la tecnologia elettrica e meccanica come i pannelli di raccolta per catturare, convertire e immagazzinare l’energia per usi futuri;
  • L’energia solare passiva, che sfrutta la durata, la posizione e l’ intensità dei raggi solari a suo vantaggio nel riscaldamento di una particolare area.

Energia eolica

Tra le fonti energetiche alternative e rinnovabili, l’energia eolica o l’energia del vento è una delle più note. Si tratta dell’energia cinetica di una massa d’aria in movimento.

È possibile sfruttare questa energia grazie all’utilizzo di aerogeneratori che producono energia elettrica, tramite mulini a vento che producono energia meccanica.

L’energia eolica è un’energia alternativa ai combustibili fossili, abbondante, rinnovabile e a sostegno dell’economia verde, ampiamente distribuita, pulita, non produce emissioni di gas serra durante il funzionamento e richiede una superficie di terra non eccessivamente elevata.

Per quanto riguarda la produzione, l’eolico off-shore è più stabile, fornisce più energia e possiede un minor impatto visivo; al contrario, i costi di realizzazione e manutenzione sono notevolmente più alti. Gli impianti eolici on-shore servono per dare elettricità a luoghi isolati.

Biomassa e biogas

Per biomassa intendiamo una materia organica rinnovabile e può includere materiale biologico derivato da organismi viventi o recentemente viventi, come legno, rifiuti e combustibili alcolici.

L’energia del legno è derivata sia dal legno raccolto come combustibile sia dai prodotti di scarto del legno. L’energia di scarto proviene da rifiuti urbani, rifiuti di produzione e gas di discarica. L’alcool combustibile a biomassa, o etanolo, deriva quasi esclusivamente dal mais.

Energia idroelettrica

Un’altra fonte di energia alternativa è quella idroelettrica, che sfrutta la trasformazione dell’energia potenziale gravitazionale, posseduta da una certa massa d’acqua ad una certa quota altimetrica, in energia cinetica al superamento di un certo dislivello; questa energia cinetica viene convertita in energia elettrica in una centrale idroelettrica grazie ad un alternatore accoppiato ad una turbina.

energia idroelettricaL’energia idroelettrica viene ricavata dal corso di fiumi e di laghi attraverso strutture come dighe e di condotte forzate. Esistono vari tipi di centrale: nelle centrali a salto si sfruttano grandi altezze di caduta disponibili nelle regioni montane. Per le centrali ad acqua fluente, invece, si impiegano grandi masse di acqua fluviale che superano piccoli dislivelli.

Energia geotermica

L’energia geotermica è l’energia generata per mezzo di fonti geologiche di calore e può essere considerata una forma di energia alternativa e rinnovabile, se valutata in tempi brevi.

Questa forma di energia sfrutta il calore naturale della Terra (gradiente geotermico) dovuto all’energia termica rilasciata dai processi di decadimento nucleare naturale degli elementi radioattivi come l’uranio, il torio e il potassio, contenuti naturalmente all’interno della Terra (nucleo, mantello e crosta terrestre).

Una curiosità? Questa forma di energia è stata sperimentata per la prima volta proprio in Italia, nel 1904, dal principe Piero Ginori Conti, che creò il primo generatore geotermico a Larderello, in Toscana.

Attualmente l’energia geotermica rappresenta meno dell’1% della produzione mondiale di energia.

Studiare l’energia: Master Unicusano

Studiare le fonti energetiche alternative (e non) è la tua passione? Se desideri specializzarti in questo campo, i Master Unicusano sono la soluzione ideale per te.

Ad esempio, il nostro Master II Livello in Innovazione, sviluppo e gestione di reti energetiche basate su energie rinnovabili è perfetto per chi ha alle spalle percorsi di studi ingegneristici, come Ingegneria Meccanica e Ingegneria Civile.

Il Master, accessibile solamente a chi ha una laurea di II livello, si rivolge ai laureati in Ingegneria Meccanica, Civile, Energetica o Informatica, con una spiccata propensione per il settore green economy che intendono acquisire le competenze necessarie per operare all’interno di imprese del settore energetico ed ambientale, nel mondo della consulenza e nelle istituzioni pubbliche, nazionali ed internazionali.

Data la richiesta di competenze molto specifiche nell’ambito energetico, questo Master rappresenta proprio il mix giusto per fornire livelli di competenza e professionalità in settori altamente innovativi ed in rapida crescita.

All’interno del percorso formativo, della durata di 1500 ore, verranno trasmesse agli studenti competenze specifiche su tematiche inerenti alla messa a punto di sistemi integrati per la produzione distribuita di energia elettrica e calore basati su FER (Fonti di Energia Rinnovabili); questi sistemi si avvarranno anche di materiali innovativi e di sistemi elettrici per il micro accumulo di energia. Verranno trattati, dunque, anche importanti aspetti chimici, elettrotecnici e tecnologici dovranno fare parte delle conoscenze da trasferire.

Saranno anche trasmesse competenze utili per l’utilizzo di una piattaforma informatica di condivisione degli strumenti di sviluppo e gestione dei sistemi energetici analizzati. La figura formata sarà inoltre dotata di competenze inerenti l’organizzazione della normativa tecnica (ISO, CEE) e delle procedure per l’ottenimento e la verifica di certificazioni e quindi accreditamenti degli apparati e sistemi analizzati.

Per iscriverti al nostro Master, contattaci ora o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali