informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Film sui cambiamenti climatici: 10 pellicole imperdibili

Commenti disabilitati su Film sui cambiamenti climatici: 10 pellicole imperdibili Studiare a Campobasso

Sei curioso di scoprire quali sono i migliori film sui cambiamenti climatici da vedere?

In questa guida abbiamo racchiuso 10 pellicole sul clima in grado di colpire e far riflettere lo spettatore attraverso scenari apocalittici, attimi di tensione ed emozioni davvero estreme.

I cambiamenti climatici sono ormai un argomento all’ordine del giorno: il fenomeno del surriscaldamento globale inizia a preoccupare gli esperti e le istituzioni corrono ai ripari, cercando di introdurre provvedimenti orientati alla sostenibilità e alla conservazione del nostro ecosistema. Che cosa succederebbe se queste misure non fossero sufficienti? Ecco alcuni film sulle catastrofi ambientali (e non solo) da vedere durante i tuoi pomeriggi di pausa dallo studio.

I 10 migliori film sul clima

Il tema del climate change si sta affermando sempre di più nelle sale cinematografiche: dai docufilm ai cosiddetti “disaster movie”, per il grande schermo la distruzione della Terra non coinvolge più soltanto forze aliene, ma il pericolo maggiore è rappresentato proprio dai comportamenti dell’uomo. Ecco la nostra top ten dei film sui cambiamenti climatici che dovresti assolutamente vedere.

LEGGI ANCHE – Serie TV storiche da vedere: ecco la nostra classifica

film sul clima

Una scomoda verità

Una scomoda verità è un film-documentario sul clima, che pone l’accento sulla questione del riscaldamento globale. La pellicola,  diretta da Davis Guggenheim, ha come protagonista l’ex vicepresidente degli Stati Uniti d’America, Al Gore.

La trama si basa in larga parte su una presentazione multimediale Keynote creata da Gore e da lui utilizzata per molti anni durante la sua campagna di informazione sui cambiamenti climatici.

Il documentario ha avuto un grande successo, tanto da aggiudicarsi il premio Oscar 2007 come miglior documentario e per la migliore canzone originale.

…e la Terra prese fuoco

Questo film, opera dell’inglese Val Guest, è uscito nelle sale nel 1961: si tratta del primo film della storia che parla esplicitamente di cambiamenti climatici.

Al centro della trama, i cambiamenti climatici che stravolgono la Terra, causati dagli esperimenti atomici di americani e sovietici ai due Poli. Raccontato dal punto di vista di un giornalista inglese del Daily Express, il film si chiude con il quotidiano pronto in due bozze diverse: “la Terra è salva” e “la Terra è condannata”. Tutto dipenderà da quello che gli uomini sapranno e vorranno fare. Non ti sveliamo nient’altro e ti lasciamo alla visione del film.

The Age of Stupid

The Age of Stupid è un film documentario sul riscaldamento globale di Franny Armstrong.

La pellicola è composta da parti recitate, documentario e animazione. Il protagonista è Pete Postlethwaite, che ricopre il ruolo di un uomo che vive solo in una terra devastata nel 2055 guardando fotografie dal 2008 e chiedendosi “Perché non abbiamo fermato il riscaldamento globale quando ne avevamo l’opportunità?”.

Nel film, promosso anche da associazioni come Greenpeace e WWF, vengono riportate sei storie che raccontano gli effetti devastanti del cambiamento climatico in contesti differenti. Anche questa pellicola rientra tra quelle da vedere assolutamente per questo genere.

Ice and the Sky

Ice and the Sky è un documentario francese, che ha chiuso il 68° Festival di Cannes. Il protagonista della narrazione è Claude Lorius, l’uomo che nel 1957 partì per studiare il ghiaccio antartico.

Nel 1965 è stato il primo scienziato a interessarsi del riscaldamento globale e delle sue conseguenze per il pianeta. Secondo le dichiarazioni dello stesso regista, la pellicola vuole essere “un contributo alla grande sfida che l’umanità deve affrontare il prima possibile per assicurarsi un futuro e assicurarlo al pianeta”.

Waterworld

Waterworld è un film di fantascienza del 1995 diretto da Kevin Reynolds, interpretato e coprodotto da Kevin Costner.

La trama vede un pianeta completamente sommerso dalle acque, per via dello scioglimento delle calotte polari causato dal surriscaldamento globale.

I superstiti vivono in una sorta di Medioevo nel quale solo alcune tecnologie della “vecchia” civiltà sono sopravvissute. L’obiettivo è raggiungere Dryland, l’unico lembo di terra che secondo una leggenda è scampata dall’apocalisse.

Una curiosità su questa pellicola? È stata girata con un budget assai più alto di quello previsto inizialmente, il che all’epoca lo rese il film più costoso mai prodotto.

L’alba del giorno dopo

Noto con il suo titolo originale, The Day After Tomorrow è un vero kolossal, uscito nelle sale nel 2004.

Nel film sono presenti effetti speciali davvero forti legati ai cambiamenti climatici. Nonostante gli avvertimenti degli scienziati che vedono la Corrente del Golfo rallentare, il mondo cade vittima di enormi tornado e in una repentina e distruttiva era glaciale. I superstiti cercano di scampare alla catastrofe rintanandosi in una biblioteca.

Questo film sui cambiamenti climatici è stato prodotto in modo del tutto ecologico: il regista ha dichiarato di aver pagato circa 200.000 dollari per ridurre le emissioni inquinanti o di anidride carbonica generate dalla troupe.

La quinta stagione

La quinta stagione è una pellicola catastrofica, l’ultimo capitolo di una trilogia dedicata al conflitto tra uomo e natura creata dalla coppia di registi Peter Brosens e Jessica Woodworth.

Nel film scompaiono le stagioni e la Terra smette di dare nutrimento agli essere umani. Mentre la civiltà come la conosciamo scomparirebbe. Questo film è stato il vincitore della prima edizione del Green Drop Award, uno dei premi più prestigiosi conferiti al cinema con i valori dell’ecologia e della sostenibilità.

Quintet

Questo film, uscito nelle sale nel 1979, è stato diretto da Robert Altman, con Paul Newman e Vittorio Gassman.

Il film è ambientato in un futuro indefinito,  imprecisato, ricco di ghiacci, dove gli esseri umani non possono far altro che attendere che il ciclo della vita finisca. Il protagonista della storia, Essex, approda in una cittadina dove l’attività principale è il Quintet: gioco da tavolo praticato dalla popolazione della cittadina, divisa in rigide caste, al vertice delle quali si trova quella dei giocatori di quintet.

Questo si sviluppa in tornei di cinque partecipanti e pare essere per questa gente l’unica ragione di vita in quel mondo in cui non c’è più una ragione per continuare.

L’era glaciale 2. Il disgelo

Inseriamo ora nella nostra top ten un film di animazione che nasconde una grande morale, utile non solo per i più piccoli. L’era glaciale 2 è il sequel del fortunato L’era glaciale. Nel primo film i protagonisti migrano per scappare dai ghiacci; in questo film, invece, devono ripararsi dal loro scioglimento.

Un modo diverso e alternativo di parlare anche dei cambiamenti climatici, che ti consigliamo di non perdere.

Re della Terra Selvaggia

Chiudiamo la nostra top ten dedicata ai film sui cambiamenti climatici con Re della Terra Selvaggia, una pellicola statunitense degli anni Duemila.

È la storia della bambina Hushpuppy, del suo papà Wink e della comunità bayou chiamata “Bathtub” che vive nelle paludi nel profondo sud della Louisiana, denominata anche “grande vasca” per le continue alluvioni che avvengono in quella zona a causa dei cicloni. Le temperature della Terra sono in aumento, i ghiacci iniziano a sciogliersi, gli uragani si scatenano e bestie preistoriche chiamate Aurochs si scongelano: quando gli equilibri naturali si spezzano, la vita che da questi dipende rischia di scomparire.

Anche in questo caso, non ti sveliamo altro: lasciamo a te scoprire come si evolverà la trama.

Hai già scelto le pellicole da vedere insieme ai tuoi amici?

Siamo certi che, grazie ai consigli dell’Università Niccolò Cusano, riuscirai a goderti una pausa studio divertente e all’insegna della cultura.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali