informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come superare l’esame di istituzioni di diritto romano

Commenti disabilitati su Come superare l’esame di istituzioni di diritto romano Studiare a Campobasso

Studiando giurisprudenza, tutti prima o poi si ritrovano davanti a una questione cruciale: come superare l’esame di istituzioni di diritto romano?

Quello che magari all’inizio sottovalutavi, risulta essere un muro difficile da valicare. Il diritto romano è  lo studio delle leggi che facevano parte dell’ordinamento giuridico romano per circa XIII secoli. Si tratta di un esame che si incontra all’inizio del corso di studi delle facoltà di Giurisprudenza.

La grande difficoltà di questo corso è la presenza di citazioni latine, rappresentando un ostacolo non da poco per chi non ne possiede le basi.

Se stai cercando di prepararti al meglio per sostenere l’esame di Diritto Romano e vuoi un aiuto maggiore, questa guida ti sarà davvero utile. Vedremo quindi come prepararsi e superare l’esame di istituzioni di Diritto Romano.

Come superare l’esame di istituzioni di diritto romano: la guida

Stai cercando un modo su come superare l’esame di istituzioni di diritto romano? In questo articolo ti spiegheremo in 4 passi cosa dovrai fare per prepararti al meglio per questo esame.

Iniziamo subito.

LEGGI ANCHE >> Come studiare per l’esame di diritto processuale civile

1. Organizzati lo studio per tempo

La parola chiave per tutto quello che riguarda l’Università è ORGANIZZAZIONE. Non puoi pretendere di superare questo esame (e anche qualsiasi altro) mettendoti a studiare poco prima della scadenza. Questo tipo di miracoli non avvengono.

Perciò è fondamentale che tu sappia organizzare il tuo carico di studi e di conseguenza, anche il tuo tempo.

La prima cosa da fare è individuare l’entità complessiva del carico di studi: osserva i libri, le dispense e gli appunti da studiare e, in base alla data dell’esame, stima i tempi necessari per la preparazione. Sulla base di questi tempi, ripartisci il materiale da studiare nelle settimane che ti separano dall’esame, creando una sorta di programma settimanale e mensile. A questo punto, per ogni giorno, ti consigliamo di creare una tabella di marcia, che organizzi le tue giornate ora dopo ora. In questo modo saprai sempre cosa studiare.

Puoi realizzare un cronoprogramma come questo:

  • Dalle 8 alle 10 – Studio Capitolo 1 libro
  • Dalle 10 alle 10:15 – Pausa
  • Dalle 10.15 alle 12.30 – Ripasso Capitolo 1
  • Dalle 12.30 alle 13.30 – Pausa
  • Dalle 13.30 alle 16 – Studio Capitolo 2 libro
  • Dalle 16 alle 16:15 – Pausa
  • Dalle 16:15 alle 18 – Ripasso generale

Questo il primo giorno, e prosegui con i capitoli con il passare dei giorno, organizzando tutta la settimana. Resta motivato e attieniti al piano: in questo modo aumenteranno esponenzialmente le possibilità di successo.

2. Scegli il libro corretto

Quando si tratta di studiare, scegliere il libro corretto fa la differenza. Una grande differenza!

I tuoi docenti del Corso di Laurea in Giurisprudenza sapranno sicuramente indirizzarti sulle dispense e i manuali migliori su cui studiare. Utile anche approcciare a questa disciplina con questi due manuali:

  • Arangio-Ruiz: ottimo se hai familiarità con il latino e leggi in velocità;
  • Marrone: perfetto se non hai una base precedente di latino e hai poco tempo a disposizione.

3. Non confrontarlo con diritto privato…

Il nostro ordinamento giuridico è di matrice romanistica, su questo non c’è dubbio. Tuttavia, il sistema odierno e quello romano antico presentano differenze notevoli.

Perciò non confrontarli, non cercare aiuto nelle conoscenze che hai su diritto privato per riuscire a capire meglio quello romano, poiché ti porterebbe fuori strada.

Mantieni le due cose ben separate, anzi, dimentica proprio tutto ciò che sai di diritto privato quando dovrai sostenere e superare l’esame di istituzioni di diritto romano. Avere la mente “pulita” è il modo migliore di approcciare a questa disciplina.

4. Creati una buona base di latino

Sai cosa sta alla base del diritto romano? La storia romana e il latino. Una buona preparazione di entrambi permettono di completare la tua preparazione e a determinarne anche il successo.

A scrivere queste leggi infatti, sono stati proprio gli antichi romani in lingua latina. Se però non hai alcuna preparazione precedente, non disperare. Online trovi molti siti attendibili e utilissimi per riuscire nell’intento di capire i vari termini. Puoi aiutarti anche con il dizionario.

Per rispolverare un po’ di storia romana invece, su YouTube puoi trovare molti video riassuntivi sui punti salienti della storia e per farti un’idea generale sul periodo. Se preferisci leggere invece, puoi chiedere qualche libro in biblioteca o cercare spunti online: non mancano infatti gli approfondimenti sulla storia del tempo.

Su come superare l’esame di diritto romano ti abbiamo detto proprio tutto, per oggi: non ti resta che dedicarti allo studio e prepararti al meglio in vista di questa prova.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali