informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

7 false credenze sullo studio universitario che dovresti conoscere

Commenti disabilitati su 7 false credenze sullo studio universitario che dovresti conoscere Studiare a Campobasso

Vuoi sapere quali sono le 7 false credenze sullo studio universitario?

Molti studenti e studentesse, senza saperlo, si auto boicottano ogni giorno con pensieri negativi (e molto spesso falsi) che li allontana dai loro obiettivi.

Parliamo di pensieri come “il professore non mi darà mai 30”, oppure “dovrò studiare ininterrottamente altrimenti non ce la farò mai”.

Questo tipo di pensieri sono delle vere e proprie credenze autolimitanti che alcuni di noi sono portati a fare quando sono sotto pressione. Imparare a gestire le situazioni di stress è il primo passo da fare per riuscire a vivere con maggior serenità la vita universitaria e la preparazione agli esami. Per riuscire a fare questo miglioramento su di te, puoi iniziare sfatando alcuni pensieri.

Ce ne sono parecchi: noi ne abbiamo individuati 7 principali che si presentano puntualmente in moltissimi studenti e studentesse universitarie.

Vediamo quali sono e perché dovresti smettere subito di pensarci!

I pensieri auto sabotanti sullo studio universitario

Come abbiamo detto, le false credenze sono pensieri auto sabotanti che si presentano nei momenti di stress. Perché auto sabotarsi? Si tratta ovviamente di un meccanismo inconscio, dettato dall’ansia e dallo stress pre-esame, che però si può imparare a tenere a bada.

Per iniziare, devi renderti prima conto della realtà dei fatti: ovvero che quei pensieri negativi sono, spesso e volentieri, completamente infondati.

#1 “Dovrò studiare troppo, non avrò più tempo per me e altro fuori dallo studio”

Tutto dipende dalla tua capacità di organizzazione. Il tempo c’è, ma viene a mancare se non lo sai gestire.

Organizzati per tempo, prendendoti ore giornaliere per te stesso e le tue passioni. Il “troppo studio” capita se non riesci a programmare adeguatamente le sessioni di studio, concentrando tutto negli ultimi giorni. Questo atteggiamento può far aumentare notevolmente il tuo stress e la tua insicurezza, alimentando pensieri negativi. Per contrastare le “nottatacce” di studio, è bene organizzare il programma da studiare nel corso del tempo, creando delle vere e proprie tabelle di marcia con obiettivi settimanali e mensili.

#2 “L’ansia mi rovinerà l’esame, non riuscirò a gestirla”

Esistono due tipi di ansia: quella che ti fa bene e quella nociva.

Quella che ti fa bene è caratterizzata dalla eustress, uno stress che ti da la spinta a dare il meglio, a non prendere sotto gamba i tuoi compiti.

Quella nociva invece, caratterizzata da distress, ti porta al panico, al non razionalizzare la situazione, a vedere finali catastrofici surreali.

Interrompi il circolo vizioso dell’ansia: cerca di rilassarti durante lo studio, di guardare avanti verso i tuoi obiettivi e pensa anche ai successi passati. Pensa a tutte le volte in cui credevi di non farcela, e invece te la sei cavata egregiamente!

Credi nelle tue capacità e potenziale. Avere fiducia in se stessi fa fare anche bella figura all’esame; si, sappiamo che non è sufficiente per ottenere un buon voto, ma può fare la differenza nell’approccio che hai alla prova.

#3 “Non riuscirò a dare più di X esami in una sola sessione”

Perché non dovresti? Non darti dei limiti ancora prima di aver iniziato a pianificare il tuo studio.

Una volta che inizi a organizzare il tuo piano di studi, e ad attenerti ad esso, potrai dare più esami in una sessione. Il segreto, come dicevamo anche al punto #1, è quello di pianificare il tuo studio con anticipo. Inizia a lavorare sulla pianificazione settimane prima degli esami: a questo punto, datti degli obiettivi e scegli gli esami che vorresti dare durante la sessione. Diluisci lo studio giorno dopo giorno, stabilendo degli intervalli di tempo completamente dedicati alla tua formazione.

#4 “Sicuramente il professore capirà che non sono preparato e mi boccerà”

Il professore che ti troverai davanti all’esame non ha nessuna intenzione di bocciarti e non è tuo nemico: spesso siamo noi che ci intimoriamo perché non conosciamo la situazione o, magari, abbiamo sentito qualche strana storia da colleghi di corso che hanno già sostenuto l’esame con quel docente.

Quando abbiamo paura, o siamo sotto stress, ci piace pensare che tutto il mondo è “contro di noi”. Così, se le cose andranno davvero male ci sentiremo autorizzati a dire “ecco! Avevo ragione! Ce l’ha con me! Non è colpa mia!”

Insomma, è un meccanismo di autodifesa per scaricare la colpa all’esterno. Il focus devi essere tu e la tua preparazione: non preoccuparti di fattori che non puoi controllare. Concentrati su tutto quello che dipende direttamente da te: il tuo impegno, la tua preparazione, il tempo che dedichi allo studio.

#5 “Finirò per fare scena muta all’orale e tutti rideranno di me”

Questa paura è tipica, ma è estremamente improbabile che andrà così. Farai scena muta all’esame solo se non avrai studiato e se alimenterai di proposito la tua ansia.

Tieni a bada la tua ansia e preparati al meglio: come dicevamo anche nel punto precedente, concentrati sui fattori che dipendono da te. Non dare troppo peso al giudizio degli altri e concentrati sulla tua prova.

#6 “Di sicuro mi chiederà l’unica cosa che non ho studiato dal libro”

Credi davvero che il professore sappia cosa non hai studiato?

A meno che non abbia poteri magici, il professore non è un indovino…e non è nemmeno un tuo nemico che gode nel bocciare gli studenti chiedendo cavilli.

Può accadere che un professore chieda qualcosa di più difficile o che voglia parlare proprio di quello che conosci meno. Ma non si tratta di qualcosa di premeditato e non ha senso angosciarsi per qualcosa che non dipende da te.

Noi ti consigliamo di prepararti adeguatamente, metterti alla prova, farti aiutare. Il trucco sta nel seguire le sue lezioni sempre, prendere appunti e partecipare attivamente. In questo modo, capirai cosa è importante per lui e quali argomenti ha particolarmente a cuore.

#7 “Parto svantaggiato rispetto ai miei colleghi di corso, io non ho mai studiato questa materia prima!”

Per certe discipline, potrebbe essere vero che aver studiato determinati argomenti precedentemente aiuti nel rendimento.

Ad esempio, studiare per la prima volta chimica all’università potrebbe essere più complicato per chi non lo ha studiato a liceo.

Questo però è un buon motivo per non credere nelle proprie capacità. Anzi, proprio perché avrai uno svantaggio, dovrai essere più motivato a dare il meglio.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / AllaSerebrina

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali