informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I 7 errori da evitare assolutamente quando scrivi il tuo CV

Commenti disabilitati su I 7 errori da evitare assolutamente quando scrivi il tuo CV Studiare a Campobasso

Uno dei passaggi più importanti nella vita di uno studente riguarda la scrittura del primo CV. Che tu sia solo una matricola o un neolaureato, scrivere il tuo Curriculum Vitae è il primo fondamentale passo per inserirti nel mondo del lavoro e trovare un’occupazione.

Attenzione però: anche se sembra semplice, scrivere un CV nasconde delle “insidie”, soprattutto se hai ancora poca esperienza. Gli errori da evitare nel CV sono diversi e riguardano diversi aspetti: ne abbiamo selezionati 7 tra quelli che, in assoluto, rischiano di esporti di più ad un rifiuto da parte dei selezionatori. Vediamo quali sono.

Cosa non fare quando scrivi il tuo curriculum vitae

Spesso si dice che sia la prima impressione quella che conta. Impegnarti a fondo per fare una buona impressione con un potenziale datore di lavoro presuppone anche uno strumento di presentazione curato come il CV.  Spesso anche i migliori candidati fanno errori sciocchi nel loro CV, che potrebbero diminuire le possibilità di ottenere un colloquio. Ecco come evitare gli errori più comuni e come valorizzare la tua esperienza secondo l’Università di Campobasso Unicusano.

#1 – Errori grammaticali

Il primo errore da NON fare mai quando scrivi il tuo CV è un “peccato” di leggerezza che riguarda la grammatica. Una mancanza di attenzione ai dettagli potrebbe far scartare il tuo CV altrimenti perfetto.

Per questo ti raccomandiamo di individuare subito errori grammaticali o refusi di battitura. Sappiamo che, spesso, si tende a far affidamento al controllo ortografico offerto dalla maggior parte dei programmi di scrittura. Tuttavia, il controllo ortografico non rileva sempre gli errori e non è in grado di comprendere l’uso improprio di alcune parole all’interno di un contesto.

Ma come fare per assicurarti che sia tutto in ordine?

  • Leggi il CV ad alta voce prima di inviarlo. Leggere ad alta voce ti faciliterà il controllo e renderà più visibili gli errori grammaticali. Leggi almeno due volte prima di provvedere all’invio
  • Fai leggere il CV ad un’altra persona. Due occhi esterni possono aiutarti a trovare gli errori e anche ad offrirti un parere in più sul tuo CV. Spesso ci concentriamo talmente tanto sull’immagine che vogliamo dare di noi stessi da dimenticarci di capire cosa trasmettiamo veramente agli altri. Chiedere un feedback ad una persona di cui ti fidi ti aiuterà ad avere un CV più coerente ed efficace

#2 – Formato sbagliato

Non esiste un solo tipo di curriculum. Partire da qui è fondamentale per comprendere l’errore numero due, frequentissimo soprattutto tra chi è alle prime armi. Ci sono diversi formati di CV e ognuno ha le sue peculiarità. In linea di massima, possiamo riassumere i formati di CV più frequenti in:

  • Curriculum Europass, più formale e adatto ai contesti istituzionali, è un formato “standard”, perfetto anche per candidature all’estero. Viene utilizzato in molti settori ed è estremamente schematico
  • Curriculum classico. Meno formale del primo, è un CV che mette in evidenza le tue esperienze e che segue uno schema estremamente pulito e ordinato, senza troppe particolarità
  • Curriculum creativo. In questo caso, parliamo di un gruppo di CV che possono assumere formati molto diversi. Ci sono, ad esempio, i CV grafici e infografici, dove l’esperienza viene raccontata attraverso immagini ed icone. Ci sono poi i siti CV, dove ci si racconta su un sito internet. Infine, i video CV, in cui ci si racconta attraverso un video. Queste tipologie si sposano perfettamente con le professioni creative e con le aziende dalla vocazione fortemente innovativa

Il nostro consiglio, per non sbagliare, è di realizzare diversi formati e di scegliere quello giusto valutando caso per caso, candidatura per candidatura. Assicurati che sia facile da leggere sullo schermo di un PC e che abbia un formato non modificabile, come il formato PDF.

#3 – Eccesso di informazioni

L’eccesso di informazioni nel CV, oltre ad essere noioso, rischia di farti perdere credibilità davanti al tuo interlocutore. Molto meglio concentrarti sui punti salienti del tuo background, focalizzandoti sull’impatto e sui risultati concreti che hai raggiunto in ogni esperienza.

Ti consigliamo di attestarti su una lunghezza massima di una o due pagine, a meno che non ti stia candidando per un posto all’interno di ambienti accademici e di ricerca.

Per rendere più leggibile il tuo CV, evita i “muri di testo”. Usa tecniche di formattazione come punti elenco e brevi paragrafi per migliorare la leggibilità.

#4 – Mancata personalizzazione

Se stai pensando a come scrivere un curriculum vitae, dovresti assolutamente considerare di aggiungere delle personalizzazioni in base al destinatario della candidatura. Sì, non basta adattare il formato giusto al contesto: per distinguerti dagli altri candidati, assicurati di personalizzare il tuo CV per ciascun ruolo per cui ti candidi.

Elenca le competenze, le responsabilità e i risultati specificamente legati al lavoro per il quale ti stai candidando. Cerca di confezionare una presentazione su misura per l’azienda con cui ti stai interfacciando e mostra tutto ciò che potrebbe far pensare loro che rispondi ai requisiti dell’annuncio.  Un consiglio in più: utilizza le parole usate dall’azienda nell’annuncio di ricerca, per farti percepire come ancora più vicino all’offerta.

#5 – Informazioni di contatto poco chiare

Direttamente collegato all’errore #1, l’errore #5 riguarda le tue informazioni di contatto, ossia principalmente email, cellulare e link social.  Le informazioni di contatto sono la parte più importante di un CV, perché è attraverso le stesse che il tuo potenziale datore di lavoro può richiederti un colloquio.

Per questo ti consigliamo di:

  • Ricontrollare anche i dettagli più scontati: basta uno zero in più digitato per sbaglio per ritrovarti con un cellulare sbagliato nel tuo CV
  • Scegliere una mail composta, se possibile, dal tuo nome+cognome, per evitare fraintendimenti e renderla comprensibile anche a colpo d’occhio
  • Verificare che tutti i link ai tuoi canali social, se inseriti, siano corretti

#6 – Eccesso di modestia

A volte, per paura di apparire presuntuosi, tendiamo a minimizzare, se non eliminare, dalle nostre presentazioni i traguardi più significativi. Ciò che ti consigliamo è di porre il focus sui risultati che hai raggiunto, in modo estremamente oggettivo e concreto. Scrivere le tue responsabilità in un ambiente di lavoro non dice nulla sui tuoi risultati. Ciò che potresti fare è aiutarti con i numeri.

Ad esempio, supponiamo che tu sia un Sales Manager che si sta candidando per una posizione di Direttore Vendite. Nella descrizione delle tue esperienze di lavoro, potresti scrivere cose come “Promosso a Responsabile di Area dopo aver aumentato il fatturato annuale del 25%” oppure “Menzione speciale come Manager dell’anno in due premiazioni aziendali, per aver aumentato la produttività del 40%”.

#7 – Luoghi comuni

“Buon comunicatore”, “capacità di lavorare in team”, “problem solving”: spesso inseriamo queste soft skills in calce al nostro CV, ma non le valorizziamo abbastanza. Così, queste abilità preziose finiscono per sembrare dei “luoghi comuni”, posti come riempitivo della tua comunicazione. Il nostro consiglio è quello di motivare le tue abilità, spiegando in che modo le hai acquisite. Ad esempio, invece di “Buon comunicatore”, puoi scrivere: “Ottime abilità comunicative, acquisite grazie alla mia esperienza di Rappresentante studenti all’Università”

Sugli errori da non fare sul CV abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che revisionare la tua presentazione e renderla davvero perfetta!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali