informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare diritto ecclesiastico: 3 consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come studiare diritto ecclesiastico: 3 consigli da seguire Studiare a Campobasso

Se sei uno studente di giurisprudenza o vorresti diventarlo, sicuramente ti sarai chiesto come studiare diritto ecclesiastico e dare il massimo al tuo esame.

Quando parliamo di diritto ecclesiastico, facciamo riferimento a tutte le norme di quella parte dell’ordinamento giuridico dello Stato che riguarda il fattore religioso, che attengono al fenomeno religioso e ai rapporti fra lo Stato e le diverse confessioni.

Come avrai intuito, si tratta di una disciplina particolare e complessa, da conoscere in modo approfondito per un buon conoscitore della legge.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano abbiamo raccolto i migliori consigli per approcciarti allo studio di questa materia, utili per assimilare con successo i concetti fondamentali e superare brillantemente l’esame. Iniziamo subito.

Ecco come si studia diritto ecclesiastico, passo dopo passo

Per molti studenti di giurisprudenza, l’esame di diritto canonico o diritto ecclesiastico rappresentano ostacoli non indifferenti da superare. In realtà, se affrontata con il giusto spirito, questa disciplina ti dà la possibilità di apprendere molte cose che non conosci e ottenere un ottimo voto all’esame.

Vediamo insieme come approcciarti allo studio del diritto.

LEGGI ANCHE >> Studiare online a Campobasso: le proposte per la tua formazione

Che cos’è il diritto ecclesiastico?

Prima di immergerci nel metodo di studio per giurisprudenza ideale, facciamo un passo indietro e diamo una definizione di diritto ecclesiastico.

Come abbiamo accennato, si tratta di quella branca del diritto che regola il rapporto tra stato e religione.

Si inizia a parlare di questa branca del diritto nel lontanissimo anno 313, quando l’imperatore Costantino emanò l’editto di Milano riconoscendo un nucleo primordiale di quella che oggi conosciamo come libertà di religione.

Nel corso degli anni, questa branca del diritto ha subito numerosi cambiamenti, proprio perché in Italia si sono succedute diverse forme di Stato e di conseguenza una diversa disciplina dei rapporti Stato-Chiesa. Parliamo, ad esempio, del separatismo liberale, dello Stato-Chiesa nella dittatura fascista e del progetto costituzionale dal 1948.

Il metodo di studio di giurisprudenza

Per capire come si studia a giurisprudenza, la prima cosa da dire riguarda il metodo di studio universitario.

Il metodo di studio è quel complesso di attività che caratterizza il tuo studio e il tuo apprendimento. Non si tratta della mera fase di studio: questo metodo abbraccia tutte le aree, dalla frequenza delle lezioni all’esame finale.

Ci sono una serie di accorgimenti da seguire per fissare il tuo metodo di studio; non ci sono regole universali che valgono per tutti, ma sicuramente alcune linee guida potrebbero aiutarti a trovare il metodo migliore per favorire il tuo apprendimento.

Vediamoli insieme.

Studiare diritto passo dopo passo

Ecco tutti i migliori consigli per guidarti nella costruzione del tuo metodo di studio per giurisprudenza e superare con successo il tuo esame di diritto ecclesiastico.

#1 – Segui attivamente le lezioni

Seguire attivamente le lezioni significa non limitarsi ad ascoltare ciò che dice il docente. Prendere appunti, ad esempio, è molto importante per iniziare a fissare i concetti trattati nella lezione e costruire una scheda tematica circa gli argomenti affrontati.

Grazie a questa prima guida, potrai riuscire a fare collegamenti tra concetti più facilmente e a semplificare il materiale di studio. Quando prendi appunti, segna su un foglio i concetti più importanti e, in basso, quelli che ti sono poco chiari e che pensi di dover approfondire.

Se non riesci a capire bene un concetto, non c’è soluzione migliore che chiedere al tuo docente. Se sei uno studente Unicusano con metodologia telematica, il tuo apprendimento sarà ancora più semplificato: potrai rivedere le lezioni ogni volta che lo desideri e interagire con i docenti sfruttando la piattaforma online.

Inoltre, la metodologia telematica include dei test di autovalutazione per capire il tuo livello di preparazione.

#2 – Fai un programma di studio

Altro passaggio fondamentale se vuoi imparare a studiare bene diritto è fare un programma di studio.

Il diritto, in generale, è una materia molto complessa che prevede l’analisi di una serie di norme. Per apprendere nel modo migliore, è necessario programmare il lavoro. Come? Scomponendo il materiale di studio in piccoli pezzi.

Inizia dal materiale di studio relativo al tuo esame di diritto ecclesiastico. Metti insieme libri di testo, appunti e materiale didattico e poi scomponilo in pezzi da distribuire sul tuo calendario di studio. A seconda delle ore giornaliere che dedicherai allo studio, suddividi il materiale da studiare facendo una programmazione di natura oraria.

Fissando obiettivi piccoli e raggiungibili riuscirai ad avere tutto il tempo necessario per studiare efficacemente, senza arrivare a ridosso dell’esame con l’acqua alla gola.

#3 – Non imparare a memoria, ma ripeti ad alta voce

Per approcciarti al diritto nel modo migliore, dimentica la strategia dello studio “a pappagallo”: non è assolutamente la strategia vincente per preparare questo esame.

Imparare a memoria senza capire rischia di compromettere gravemente l’esito del tuo esame. Concentrati sulla materia e sforzati nel fare dei collegamenti. Leggi più volte i testi e aiutati con le mappe concettuali per memorizzare tutte le nozioni di cui hai bisogno.

Ripeti ad alta voce per impostare il discorso e capire se, effettivamente, hai studiato abbastanza. Prova a ripetere senza avere sottomano gli appunti, proprio per testare la tua preparazione effettiva.

Giurisprudenza a Unicusano: vantaggi e opportunità

Se stai cercando un Corso di laurea in Giurisprudenza che ti dia la possibilità di studiare e conoscere la materia a 360 gradi, l’Università Niccolò Cusano è la soluzione ideale per te.

Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza ha come obiettivi:

  • L’acquisizione di una padronanza degli elementi della cultura giuridica di base nazionale, internazionale ed europea, anche con tecniche e metodologie casistiche, in rapporto a tematiche utili alla comprensione e alla valutazione di principi e istituti del diritto positivo;
  • L’approfondimento di conoscenze storico-filosofiche che consentano di valutare gli istituti del diritto positivo anche nella prospettiva teoretica e dell’evoluzione diacronica degli stessi;
  • L’acquisizione di capacità di progettazione e stesura di atti giuridici (negoziali, processuali, normativi) adeguatamente argomentati, prodotti anche con l’uso di strumenti informatici;
  • L’acquisizione di capacità critiche e autonomia di giudizio, di analisi casistica, di qualificazione giuridica, di comprensione, di rappresentazione, di valutazione e di consapevolezza per affrontare problemi interpretativi e applicativi del diritto positivo, anche in ambito economico.

Il corso di laurea prevede diversi sbocchi occupazionali, come ad esempio:

  • avvocati;
  • esperti legali in imprese;
  • esperi legali in enti pubblici;
  • notai;
  • magistrati

La didattica dei nostri corsi, curata dai massimi esperti del settore, è erogata online, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Per iscriverti al nostro corso di laurea online e iniziare ad approfondire e studiare diritto ecclesiastico, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali